Home

Cerca nello shop

Shop on Line


Tutti i prodotti
Statistiche
Dizionario Tecnico
Dizionario Tecnico - T Stampa E-mail
Indice Articolo
Dizionario Tecnico
B
C
D
E
F
G
H
I - J
K
L
M
N
O - P
Q - R
S
T
U - V
W - Z
Tutte le pagine
 

T

Tabachi (Tabbakhi): parola persiana che indica il pelo tratto da animali morti. È poco pregiata perché ruvida, poco lucente e assorbe male il colore.

Taba Tabai: maestro tessitore attivo all’inizio del Novecento a Tabriz. Al suo laboratorio si devono esemplari di particolare pregio.

Tannino: acido organico presenza in natura, con diverse concentrazioni, in molti fusti arborei e in radici; dotato di elevato potere colorante, è usato per ottenere toni scuri, varianti dal bruno al nero.

Tappeto: Si può intendere con questo termine qualsiasi tessitura di qualsiasi fibra (animale o vegetale) atta ad essere distesa al suolo. In senso più ristretto con tappeto si intende una tessitura con un vello ottenuto per inserimento di fili non strutturali, fissati all’armatura (ordito + trama) con tecniche particolari; si escludono così le tessiture piane (vedi). In tedesco è Teppich, in francese Tapis, in spagnolo Alfombra, in inglese Carpet (per esemplari da 2 x 3 m in su) e Rug (al di sotto di 2x3 m).

Tatto: la qualità del tessuto di base e del pelo apprezzabile con le mani.

Telaio: strumento usato per la tessitura di tappeti, i cui elementi costituenti fondamentali sono i piedritti, i subbi e i licci; può essere orizzontale o verticale.

Il telaio orizzontale, che viene usato prevalentemente dalle popolazioni nomadi per la sua facilità di installazione e rimozione, consiste di due travi orizzontali (subbi), disposte parallelamente al terreno e tenute in posizione da picchetti; intorno a esse vengono tesi gli orditi, sollevati alternatamene da un liccio sospeso a un treppiede mobile.

Il telaio verticale è usato in prevalenza negli insediamenti permanenti perché necessità di una parete di appoggio; i subbi sono sorretti da due robuste piedritti. Il telaio verticale può essere di diversi tipi:
Nel telaio a subbi fissi la distanza tra i subbi è costante e determina la lunghezza del tappeto.

Nel telaio a subbio inferiore mobile il subbio inferiore può essere allentato in modo da consentire lo scorrimento dell’ordito, che viene predisposto doppio. È pertanto possibile far scivolare la parte già eseguita del tappeto sul retro del telaio ed eseguire tappeti lunghi fino a due volte la distanza tra i subbi.

Nel telaio a subbi rotanti sul subbio inferiore viene avvolto il filato dell’ordito in una lunghezza proporzionale a quella del tappeto che si vuole ottenere. Man mano che il lavoro procede, l’ordito viene svolto e la parte già annodata del tappeto viene avvolta sul subbio inferiori.

Il telaio triangolare è usato nei grandi laboratori e permette la realizzazione di tappeti di grandi dimensioni. L’ordito è infatti avvolto intorno a uno o più subbi ausiliari, che conferiscono al telaio una sezione triangolare.

Tessuto Piatto (o Piano), Tappeto Piatto (o Piano): termine per indicare tappeti tessuti e non annodati. Tessuto è ciò che si ottiene dal semplice intreccio di trama e ordito. Sono definiti tessuti piani i Kilim ottenuti con questa semplice tecnica. Può essere bilanciato, quando siano egualmente visibili trama e ordito, oppure con trama a vista, quando le trame sono talmente battute le une sulle altre da rendere invisibile l’ordito. Viene detto anche armatura semplice.

Torba: piccola sacca da viaggio in uso tra i nomadi, può essere in tappeto o in Kilim.

Trama: insieme di fili che si intrecciano con la catene dell’ordito e fissano i nodi del tappeto.
Possono essere in lana, cotone o seta e assicurano la solidità del tappeto. Solitamente, la trama passa due volte, dapprima tesa, poi floscia; non mancano esemplari a trama unica e con trame multiple. Una volta passata, la trama viene battuta con forza sui nodi con speciali pettini in legno o in metallo.

Trame Aggiunte, Tecnica a: tecnica di decorazione dei Kilim mediante l’inserzione, tra gli orditi, di trame supplementari decorative, con cui si realizzano i disegni.

Trame Avvolte, Tecnica a: tecnica di tessitura dei Kilim realizzata mediante l’inserzione di trame colorate che avvolgono gli orditi, passando nella maggior parte dei casi sopra quattro e sotto due orditi e correndo libere sul retro del Kilim ai cambi di colore. Le trame avvolte possono essere alternate a normali trame strutturali oppure essere allo stesso tempo decorative e strutturali. È detto anche soumakh.

Trame Supplementari, Tecnica a: lo stesso che tecnica a trame aggiunte.

Tubreh (Tobreh): sacche in Kilim usate dai nomadi per dar da mangiare agli animali.

Tufek-Bash (Tufek-kap): È il contenitore per il fucile. Può essere in tessuto piano oppure annodato. Tipico dei turkmeni; molto raro.

Tullu (Tulu, Tolu, Tollu): Tappeti turchi dal vello molto lungo, con disegno geometrico assai elementare, usati come letto.

Turkibaft: nodo turco, da Turk (turco) e baft (nodo). Noto anche come nodo simmetrico.

Tutash: Contenitore per vasellame; realizzato in tessuto piano.

Tuti: Specie di kilim turkmeno, con decoro assai semplice, che serve da cortina per dividere gli spazi nella yurta.

 top

 



 
 

Login e ricevi la ns. Newsletter

Offerte del Mese

Servizi e Contatti

Acquistiamo da Privati tappeti e/o mobili, fino ad interi arredamenti.

Contattaci
per servizi di Consulenza, Stima e Perizie, per Divisioni Ereditarie, o vendite in asta.

Telefono o Fax:

Telefono +39 081 7643824
FAX +39 081 19576660

Cell. anche Whatsapp          +39 3337146761

Via email:

persepolis@persepolis.it
Info info@persepolis.it
Dir. Ed. rchietti@persepolis.it

Skype:

Chiamaci!

Soddisfatti o Rimborsati

Per ogni acquisto effettuato via internet, o comunque senza ambientazione in loco, Vi garantiamo il rimborso dell'intera somma versata, per i 15 gg. successivi alla vendita.